foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


.
info@curecare.it
www.curecare.it

CureC@re

la cultura del prendersi cura

Percorso



 I pazienti con una malattia cronica grave presentano dati funzionali scadenti, un elevato rischio di mortalità e complicanze significative, tra cui delirio e alterazioni cognitive. Il significato prognostico del delirio persistente in questi pazienti non è stato ben descritto.

Si riporta ed analizza il caso di un paziente con una malattia cronica grave a seguito di un intervento cardiochirurgico serio, che era stabile emodinamicamente dopo una lunga permanenza nell'unità di terapia intensiva cardiotoracica, ma aveva un delirio persistente e incessante.

Nonostante gli approcci farmacologici e non farmacologici per migliorare il suo delirio, il paziente [...]

Leggi tutto: Il delirio persistente nella malattia cronica...

Il servizio dell’ospedale a casa per evitare ricoveri prevede un trattamento attivo da parte di sanitari al domicilio del paziente per condizioni che altrimenti richiederebbero il ricovero in un reparto per acuti, ma sempre per un periodo di tempo limitato. Questa ricerca rappresenta il terzo aggiornamento dello studio originale onde determinare l'efficacia e il costo di gestione per i pazienti con il servizio dell’ospedale a casa rispetto al ricovero ospedaliero.

Il 2 marzo 2016 sono stati consultati il Cochrane Central Register of Controlled Trials (CENTRAL), MEDLINE, EMBASE, altri due database e due registri di sperimentazioni. Sono state controllate le liste di riferimento degli articoli ammissibili e si sono ricercati gli [...]

Leggi tutto: L'ospedale a casa per evitare il ricovero

Questo è un aggiornamento della rassegna Cochrane originale pubblicata nel 2013 (Numero 6). Il prurito si presenta in pazienti con malattie di base diverse ed è causato da differenti meccanismi patologici. Nei pazienti di cure palliative, il prurito non è il sintomo più diffuso, ma è uno dei più sconcertanti. Può causare notevoli disagi e interferisce con la qualità della vita dei pazienti.

Per valutare gli effetti dei diversi trattamenti farmacologici per la prevenzione o il trattamento del prurito nei pazienti adulti sottoposti a cure palliative, sono stati consultati, per questo aggiornamento, CENTRAL (The Cochrane Library) e MEDLINE (OVID) fino al 9 giugno 2016 ed Embase (OVID) fino al 7 giugno 2016.

Inoltre, sono state compiute ricerche sui registri delle sperimentazioni e sulle liste di riferimento di tutti [...]

Leggi tutto: Interventi farmacologici per il prurito nelle...

La demenza è una malattia neurodegenerativa cronica, progressiva ed in definitiva fatale.

La demenza avanzata è caratterizzata da un deficit cognitivo assoluto, dall’incapacità di comunicare verbalmente e da una totale dipendenza funzionale. L’assistenza abituale delle persone affette da demenza avanzata non è universalmente sostenuta da un approccio palliativo.

Le cure palliative si sono concentrate, tradizionalmente, sulla cura dei pazienti oncologici, ma da più di un decennio si è estesa la richiesta, in tutto il mondo, per l’estensione dei servizi di cure palliative a tutte le persone con malattie che minano la sopravvivenza e che hanno bisogno di cure specialistiche, tra cui le persone affette da demenza.

Per valutare l'effetto degli interventi di cure palliative nella demenza avanzata e informare in merito alla gamma delle misurazioni degli esiti utilizzate, il 4 febbraio 2016 è stato consultato ALOIS, il Cochrane Dementia and Cognitive Improvement Group's Specialized Register. ALOIS contiene i rapporti degli studi clinici individuati dalle ricerche mensili delle più importanti banche dati sanitarie, i registri delle sperimentazioni e le fonti bibliografiche grigie. Si sono svolte ricerche supplementari su MEDLINE (OvidSP), Embase (OvidSP), PsycINFO (OvidSP), CINAHL (EBSCOhost), LILACS (BIREME), Web of Science Core Collection (ISI Web of Science), il sito ClinicalTrials.gov e il portale delle sperimentazioni World Health Organization ICTRP per garantire che le ricerche fossero il più possibile complete e aggiornate.

Sono stati individuati [..]

Leggi tutto: Interventi di cure palliative nella demenza...

La consulenza di cure palliative migliora la qualità delle cure attraverso la gestione dei sintomi, la comunicazione, il coordinamento dell'assistenza e un’ammissione non tardiva in hospice, e può ridurre i ricoveri ospedalieri spesso pesanti alla fine della vita.

Per confrontare i tassi di riammissione a 30 giorni per i pazienti ricoverati con aggravamento dell'insufficienza cardiaca congestizia che ricevono una consulenza di cure palliative rispetto al gruppo di controllo, si è compiuto uno studio di coorte retrospettivo utilizzando il confronto dei punteggi di propensione.

Un’analisi secondaria di sottogruppo, ha comparato i pazienti che avevano ricevuta una consulenza palliativa completa ed i pazienti con una consulenza parziale.

Lo studio è stato monocentrico in un ospedale universitario per acuti. Su un insieme di 8215 ricoveri dal 1° gennaio 2011 al 6 aprile 2014, 356 casi presentavano una consulenza di cure palliative e sono stati individuati 356 corrispondenti pazienti di controllo.

Il tasso di riammissione a 30 giorni è stato del [...]

Leggi tutto: Tassi di riammissione a 30 giorni nei pazienti...

chi è online?

Abbiamo 47 visitatori e nessun utente online


Redazione: Daniela Cattaneo, Emanuela Porta, Lea;  

Web Master: Emanuela Porta - Copyright © 2017 CureC@re la cultura del prendersi cura Rights Reserved.