foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


.
info@curecare.it
www.curecare.it

CureC@re

la cultura del prendersi cura

Percorso



Il dolore è un sintomo comune nel cancro e dal 30% al 50% di tutte le persone affette da cancro proveranno dolore da moderato a severo che può avere un forte impatto negativo sulla qualità della vita. I farmaci non oppiacei sono comunemente usati per trattare il dolore oncologico e sono raccomandati a questo scopo nella scala del trattamento del dolore oncologico dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), da soli o in combinazione con gli oppioidi.

Una precedente revisione Cochrane che ha esaminato le evidenze per i farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) o il paracetamolo, da solo o in combinazione con oppioidi, per il dolore oncologico è stata ritirata nel 2015 perché non era più aggiornata; la data dell'ultima ricerca era il 2005. Questa ricerca, e un'altra sul paracetamolo, aggiornano le evidenze.

Per valutare l'efficacia dei FANS orali per il dolore oncologico negli adulti e gli effetti collaterali riportati durante il loro uso negli studi clinici, sono stati consultati il Cochrane Central Register of Controlled Trials (CENTRAL), MEDLINE ed Embase dall'inizio alla fine di aprile 2017, insieme agli elenchi di riferimento dei documenti e revisioni recuperati e a due registri online di studi.

Sono stati inclusi gli studi randomizzati, in doppio cieco, in singolo cieco o in aperto della durata di cinque giorni o più, confrontando [...]

[...] qualsiasi FANS orale da solo con il placebo o un altro FANS o una combinazione di FANS più oppioidi con la stessa dose di oppioide da solo, per il dolore oncologico di qualsiasi intensità. La dimensione minima dello studio era di 25 partecipanti per braccio di trattamento alla randomizzazione iniziale.

Due ricercatori hanno valutato gli studi in modo indipendente, estratto i dati sull'efficacia e sugli effetti collaterali ed esaminato la qualità degli studi e le potenziali distorsioni. Non sono state effettuate analisi aggregate. La qualità delle evidenze è stata valutata utilizzando GRADE ed è stata creata una tabella "Riepilogo dei risultati".

11 studi hanno soddisfatto i criteri di inclusione, della durata di una settimana o più; sono stati randomizzati inizialmente 949 partecipanti con un dolore per lo più moderato o severo, ma solo una parte ha completato il trattamento o ha ottenuto risultati.

8 studi erano in doppio cieco, 2 in cieco e 1 in aperto. Nessuno aveva solo un controllo con il placebo; 8 hanno confrontato diversi FANS, 3 un FANS con un oppioide o una combinazione di oppioidi e 1 entrambi. Nessuno ha confrontato un FANS più oppioide con la stessa dose di oppioide da solo. La maggior parte degli studi era ad alto rischio di distorsione per l’accecamento, i risultati incompleti o le dimensioni ridotte; nessuno era inequivocabilmente a basso rischio di distorsione.

Non è stato possibile confrontare i FANS come gruppo con un altro trattamento o un FANS con un altro FANS. I risultati di tutti i FANS sono riportati come una coorte randomizzata. Gli esiti per tutti i risultati sono stati valutati come evidenze di scarsa qualità.

Nessuno degli studi ha riportato gli esiti primari di questa ricerca: partecipanti con una riduzione del dolore di almeno il 50% e per lo meno del 30% rispetto al dato iniziale; partecipanti con il Patient Global Impression of Change (PGIC) grandemente migliorato o molto migliorato (o formulazione equivalente). Con il FANS, inizialmente il dolore moderato o severo era ridotto a non peggio di lieve dolore dopo una o due settimane in 4 studi (415 partecipanti in totale), con una gamma di valutazioni tra il 26% e il 51% nei singoli studi.

Le segnalazioni degli effetti collaterali e di abbandono della sperimentazione erano incoerenti. Sono stati segnalati due effetti collaterali gravi con i FANS e 22 decessi, ma questi non erano chiaramente correlati ad alcun trattamento analgesico. I comuni effetti collaterali sono stati: sete/secchezza delle fauci (15%), perdita di appetito (14%), sonnolenza (11%) e dispepsia (11%). Gli abbandoni sono stati frequenti, principalmente a causa della mancanza di efficacia (24%) o degli effetti collaterali (5%).

Non ci sono evidenze di alta qualità per supportare o confutare l'uso dei FANS da soli o in combinazione con gli oppioidi per i tre livelli della scala del dolore oncologico dell'OMS. Esistono evidenze di scarsa qualità che alcune persone con dolore oncologico moderato o grave possano ottenere notevoli livelli di beneficio entro una o due settimane.

vai all'abstract: Oral nonsteroidal anti-inflammatory drugs (NSAIDs) for cancer pain in adults. Sheena Derr_ Editorial Group: Cochrane Pain, Palliative and Supportive Care Group Published Online

chi è online?

Abbiamo 439 visitatori e nessun utente online


Redazione: Daniela Cattaneo, Emanuela Porta, Lea;  

Web Master: Emanuela Porta - Copyright © 2018 CureC@re la cultura del prendersi cura Rights Reserved.