foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


.
info@curecare.it
www.curecare.it

CureC@re

la cultura del prendersi cura

Percorso



L'ansia spesso coesiste con la depressione e l'aggiunta delle benzodiazepine alla terapia antidepressiva è una pratica comune per trattare le persone con depressione maggiore.

Tuttavia, sono necessarie ulteriori evidenze per determinare se questo trattamento combinato è più efficace e non più dannoso degli antidepressivi da soli. Ci sono indicazioni che le benzodiazepine possano perdere la loro efficacia con la somministrazione a lungo termine e che il loro uso cronico comporti [...]

[...] rischi di dipendenza.

Questa è la versione aggiornata nel 2019 di una Cochrane Review pubblicata per la prima volta nel 2001 e precedentemente rivista nel 2005. Il recente aggiornamento segue un nuovo protocollo per conformarsi alle più recenti linee guida della metodologia Cochrane, con l'inclusione delle tabelle "Riepilogo delle scoperte" e delle valutazioni GRADE per la qualità dell’evidenza.

Per valutare gli effetti della combinazione degli antidepressivi con le benzodiazepine rispetto agli antidepressivi da soli per la depressione maggiore negli adulti, si sono esaminati il Cochrane Common Mental Disorders Group's Controlled Trials Register (CCMDCTR), il Cochrane Central Register of Controlled Trials, MEDLINE, Embase e PsycINFO fino al maggio 2019. Si sono consultati anche il portale delle sperimentazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e ClinicalTrials.gov per identificare qualsiasi ulteriore ricerca non pubblicata o in corso.

Si sono valutate tutte le sperimentazioni randomizzate e controllate che hanno confrontato il trattamento antidepressivo combinato con le benzodiazepine con gli antidepressivi da soli per gli adulti con la depressione maggiore. Sono stati esclusi gli studi che somministrano in concomitanza terapie psicosociali mirate alla depressione e ai disturbi d'ansia. Gli antidepressivi dovevano essere prescritti, in media, in quantità pari o superiore alla dose minima efficace presente in Hansen 2009 o secondo le normative nordamericane o europee. La terapia combinata doveva durare almeno quattro settimane.

Due ricercatori hanno estratto in modo indipendente i dati e valutato il rischio di parzialità negli studi inclusi, in base ai criteri del Cochrane Handbook for Systematic Reviews of Interventions. I dati sono stati inseriti in Review Manager 5. Si sono utilizzati i dati degli intenti iniziali di trattamento. Sono state combinate le variabili di esito continuo della gravità di depressione e ansia utilizzando le differenze medie standardizzate (SMD) con intervalli di confidenza al 95% (IC). Per i risultati di efficacia dicotomica, è stato calcolato il rapporto di rischio (RR) con IC del 95%. Per quanto riguarda l'esito primario dell'accettabilità, per tutti gli studi erano disponibili solo tassi di abbandono complessivi.

Sono stati identificati 10 studi pubblicati tra il 1978 e il 2002 che hanno coinvolto 731 partecipanti.

6 ricerche hanno usato antidepressivi triciclici (TCA), 2 gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), 1 studio ha usato un altro antidepressivo eterociclico e 1 ha impiegato il TCA o l'antidepressivo eterociclico.

La terapia combinata delle benzodiazepine più antidepressivi è stata più efficace degli antidepressivi da soli per la gravità della depressione nella prima fase (quattro settimane) (SMD -0,25; IC 95% da -0,46 a -0,03; 10 studi, 598 partecipanti, evidenza di qualità moderata), ma non vi era differenza tra i trattamenti nella fase acuta (da 5 a 12 settimane) (SMD -0,18; IC 95% da -0,40 a 0,03; 7 studi, 347 partecipanti, evidenze di bassa qualità) o in fase continua (oltre le 12 settimane) (SMD -0,21; 95% IC da -0,76 a 0,35; 1 studio, 50 partecipanti, evidenze di bassa qualità).

Per l'accettabilità del trattamento, non vi era alcuna differenza negli abbandoni dovuti a qualsiasi motivo tra la terapia combinata e gli antidepressivi da soli (RR 0,76; IC 95% da 0,54 a 1,07; 10 studi, 731 partecipanti, evidenza di qualità moderata).

Per la reazione alla depressione, la terapia combinata è risultata più efficace degli antidepressivi da soli nella fase iniziale (RR 1,34; IC 95% da 1,13 a 1,58; 10 studi, 731 partecipanti), ma non vi era evidenza di una differenza nella fase acuta (RR 1,12; IC 95% da 0,93 a 1,35; 7 studi, 383 partecipanti) o in fase continua (RR 0,97; IC 95% da 0,73 a 1,29; 1 studio, 52 partecipanti).

Per la remissione della depressione, la terapia combinata è risultata più efficace degli antidepressivi da soli nella fase iniziale (RR 1,39; IC 95% da 1,03 a 1,90; 10 studi, 731 partecipanti), ma non vi è stata evidenza di una differenza nella fase acuta (RR 1,27; IC 95% da 0,99 a 1,63; 7 studi, 383 partecipanti) o in fase continua (RR 1,31; IC 95% da 0,80 a 2,16; 1 studio, 52 partecipanti).

Non c'era evidenza di una differenza tra la terapia combinata e gli antidepressivi da soli per la gravità dell'ansia nella fase iniziale (SMD -0,76; IC 95% da -1,67 a 0,14; 3 studi, 129 partecipanti) o nella fase acuta (SMD -0,48; 95 % IC da -1,06 a 0,10; 3 studi, 129 partecipanti). Nessuno studio ha misurato la gravità dell'insonnia. In termini di effetti collaterali, i tassi di abbandono a causa di eventi avversi erano inferiori per la terapia combinata rispetto agli antidepressivi da soli (RR 0,54; IC 95% da 0,32 a 0,90; 10 studi, 731 partecipanti, evidenza di qualità moderata).

La maggior parte dei domini di rischio di parzialità nella maggioranza degli studi inclusi non era chiara. La generazione di sequenze casuali, l’occultamento dell'allocazione, la segnalazione di accecamento e selezione dei risultati erano problematiche a causa degli insufficienti dettagli riportati nella maggior parte degli studi inclusi e della mancata disponibilità dei protocolli di studio. La più grande limitazione nella qualità delle evidenze era il problema del logoramento.

La terapia antidepressiva combinata con le benzodiazepine, nella fase iniziale era più efficace degli antidepressivi da soli nel migliorare la gravità della depressione, nella risposta alla depressione e nella remissione della depressione. Tuttavia, questi effetti non sono stati mantenuti nella fase acuta o in quella duratura. La terapia combinata ha comportato un minor numero di abbandoni a causa di effetti collaterali rispetto agli antidepressivi da soli, ma la terapia combinata era associata a una percentuale maggiore di partecipanti che riportavano almeno un effetto collaterale. L'evidenza moderata dei benefici derivanti dell'aggiunta di una benzodiazepina a un antidepressivo nella fase iniziale deve essere bilanciata giudiziosamente contro i possibili danni e bisogna prendere in considerazione strategie alternative di trattamento quando si ritenga che la monoterapia antidepressiva sia inadeguata. Sono necessari studi controllati randomizzati pragmatici a lungo termine per confrontare la terapia in combinazione con la monoterapia dei soli antidepressivi, nella depressione maggiore.  

 

vai all'abstract: >> Antidepressants plus benzodiazepines for major depression  Ogawa Y1, Cochrane Database Syst Rev. 2019 Jun 3;6Ogawa Y1, Cochrane Database Syst Rev. 2019 Jun 3;6

chi è online?

Abbiamo 123 visitatori e nessun utente online


Redazione: Daniela Cattaneo, Emanuela Porta, Lea;  

Web Master: Emanuela Porta - Copyright © 2019 CureC@re la cultura del prendersi cura Rights Reserved.