Sandro e il suo vissuto di ieri e di oggi

Sandro,

vive oggi, nella sua ottava decade di vita, con la stessa intensità la perdita di sua figlia occorsa il 28 febbraio del 1976.

Non esiste tempo che possa annullare o stemperare la percezione dell’assenza corporea ed emotiva di una presenza affettivamente così importante. È uno stato che permea il vissuto di ieri e di oggi.

Sandro ha combattuto per tutta la sua vita in diversi contesti; ha ricercato quei significati che potessero sostenere la quotidianità intrisa d’assenza. La sua costante battaglia con la tristezza che si è insinuata nella vita, lo ha portato a superare la riflessione auto referenziata, a cercare di sublimare la sua capacità d’ascolto, a comprimere il dolore nella sopravvivenza.

Ed oggi scolpisce il suo messaggio di vita elaborato nella profonda e silenziosa disperazione.

La certezza della positività nella ricerca quotidiana di un valore della vita non quale espressione di un successo personale o familiare, o di una condizione sociale riconosciuta da terzi, ma piuttosto il perseguire la generosità umana.

Sublimare la sensibilità umana, l’attenzione all’ascolto, la capacità di esprimersi, allo scopo di dare a coloro che hanno bisogno di te.

Il dolore compresso non gli ha impedito di riconoscere la ricchezza e la varietà della presenza umana; anzi gli ha consentito di evolvere la sua propensione al sociale, a sviluppare azioni di condivisione e di partecipazione.

Il suo dolore ha modellato la sua tristezza nella ricerca della bellezza della natura e nei rapporti umani, accompagnando la sua faticosa costruzione di vicinanza a coloro con cui convive.

 

jNews Module

Ricevi HTML?
Joomla Extensions powered by Joobi

Login Form

registrati per ricevere le newsletter relative ai nuovi contenuti pubblicati.

Registrati

grazie per il tuo accesso, sei il benvenuto!

chi è online?

Abbiamo 69 visitatori e nessun utente online

© 2021 CureC@re. All Rights Reserved. Designed By WarpTheme - Redazione: Daniela Cattaneo; Emanuela Porta; Lea