foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


.
info@curecare.it
www.curecare.it

CureC@re

la cultura del prendersi cura

Percorso



Di fronte alla crescente trasmissione e mortalità del Covid-19 nel mondo, molti commentatori hanno descritto questa pandemia emergente come una "tempesta perfetta" - una caratterizzazione ampiamente abusata che evoca un senso di anomalia e imprevedibilità. In effetti, una "tempesta perfetta" è definita come "una tempesta particolarmente violenta derivante da una rara combinazione di fattori meteorologici avversi" o "il peggiore possibile o particolarmente critico stato delle cose derivante da un gran numero di fattori negativi e concorrenti (di solito) imprevedibili".

E alcune delle ragioni dell'elevato tasso di trasmissione e mortalità del Covid-19 sono in realtà al di fuori del controllo umano - ad esempio, le particolari caratteristiche biologiche che conferiscono al Covid-19 la sua virulenza. Ma una miriade di forze biologiche, ambientali, sociali e politiche stanno configurando la diffusione del Covid-19 in tutto il mondo e il modo in cui concettualizziamo l'interazione di queste forze è importante. Le epidemie sono il risultato di una combinazione di forze insolite e imprevedibili, come suggerirebbe [...]

[...] l'idea della tempesta perfetta? O sono sostanzialmente plasmate da azioni umane (e inazioni) durature e ben conosciute?

La scrittrice Susan Sontag sostiene che le metafore che usiamo per descrivere la malattia modellano profondamente la nostra esperienza della malattia; il nostro discorso culturale su malattie come il cancro e l'AIDS, ad esempio, produce paura e discredito che ostacolano la cura ed emarginano i pazienti. Allo stesso modo, la metafora della tempesta perfetta può indirizzare erroneamente la nostra idea di - e quindi il nostro approccio per affrontare - le pandemie emergenti. Questo linguaggio crea un dibattito sulla salute pubblica che sembra reattivo piuttosto che proattivo, riduttivo piuttosto che olistico, deresponsabilizzante piuttosto che stimolante. Sebbene il suo dramma intrinseco possa essere suggestivo, il termine "tempesta perfetta" invoca nozioni di casualità e volatilità che potrebbero effettivamente compromettere la nostra capacità di affrontare la pandemia da Covid-19 e i futuri focolai di malattie.

La crisi mondiale dell'AIDS degli anni '80 e '90 ha messo in luce la realtà che, nonostante la crescente incidenza e attenzione alle condizioni croniche e non contagiose, le malattie infettive rimangono con noi, sotto forma di agenti patogeni sia antichi che nuovi. L'emergere dell'AIDS ha sollevato questioni fondamentali sul declino infrastrutturale, lo sviluppo di farmaci e l'accesso all'assistenza sanitaria negli Stati Uniti e all'estero. E di fronte a quella che inizialmente era una malattia uniformemente mortale, gli attivisti dell'AIDS hanno dimostrato che un'azione politica concertata può cambiare il corso di una pandemia mortale e globale, anche in assenza di un vaccino.

Nel contesto dell'epidemia di AIDS, l'Istituto di medicina (IOM, ora Accademia Nazionale di Medicina) ha catalogato la nostra vulnerabilità a una vasta gamma di rischi infettivi. In un rapporto del 1992, lo IOM ha dichiarato che "il modo migliore per prepararsi al futuro è quello di sviluppare e attuare strategie preventive in grado di affrontare le sfide generate dai microbi emergenti e riemergenti. È infinitamente meno costoso, in ogni modo, aggredire una malattia emergente in una fase precoce - e quindi prevenirne la diffusione - piuttosto che fare affidamento su un trattamento per controllare la malattia". In definitiva, lo IOM ha raccomandato quattro aree di investimento per prepararsi a future pandemie: le principali infrastrutture sanitarie pubbliche degli Stati Uniti, la ricerca sulle malattie infettive e la formazione sulla sorveglianza delle epidemie, lo sviluppo di vaccini e farmaci, l'educazione del pubblico e il cambiamento comportamentale.

La ripetuta comparsa di nuove infezioni zoonotiche come la sindrome respiratoria acuta grave (SARS), l'influenza H1N1, la sindrome respiratoria mediorientale (MERS), Zika ed Ebola - nonché la ricomparsa di vecchie malattie infettive come il morbillo e il colera - sottolinea la realtà che le epidemie globali dovrebbero essere attese e che i loro danni dovrebbero essere anticipati. La crescita del settore della salute planetaria indica una crescente consapevolezza delle intricate relazioni ecologiche tra umani, altri animali e il nostro ambiente. In questa prospettiva, i focolai di malattie zoonotiche non sono eventi separati: riflettono i cambiamenti complessi dell'ecosistema che sono in gran parte messi in moto dal comportamento umano. Tuttavia, durante ciascuna di queste recenti epidemie, i titoli sulla "tempesta perfetta" erano onnipresenti. Invocare la tempesta perfetta in tali casi minimizza la nostra capacità di anticipare e prevenire le epidemie prima che emergano.

Naturalmente, l'uso di questo termine non si limita ai discorsi sulla malattia contagiosa. Un giornalista ha recentemente osservato che "la dipendenza da oppiacei sembra il risultato di una perfetta tempesta di povertà, traumi, accessibilità e dolore". 

Questo tipo di spiegazione erode un senso di responsabilità sociale per come si sviluppano e si evolvono le emergenze della salute pubblica. In questo caso, la metafora della tempesta perfetta potrebbe minare la nostra capacità di considerare responsabili potenti come l'industria farmaceutica responsabile dell'incredibile bilancio delle vittime della epidemia da oppioidi in corso negli Stati Uniti.

Naturalizzare l'ascesa di una pandemia come una tempesta perfetta, infatti, potrebbe implicare che una crisi sanitaria esuli dagli ambiti dell'azione umana. Ma ovviamente, anche i cosiddetti disastri naturali non sono tempeste perfette. Crisi come l'uragano Katrina nel 2005 e il terremoto del 2010 ad Haiti hanno avuto effetti così estremi sulla morbilità e sulla mortalità a causa di prolungate storie di spoliazione politica e incuria delle infrastrutture nelle regioni colpite. Nella cornice del cambiamento climatico antropogenico, il linguaggio della tempesta perfetta rimuove importanti riflessioni sulla nostra responsabilità per la frequenza sia delle nuove zoonosi che degli eventi meteorologici estremi, nonché degli effetti sproporzionati di queste emergenze sulle persone più vulnerabili nel mondo.

In tutti questi contesti sanitari, uno schema mentale legato alla tempesta perfetta enfatizza il potere del caso sull'efficacia degli sforzi di prevenzione della salute pubblica. Ma i passati focolai zoonotici hanno chiarito che gli investimenti a lungo termine nel monitoraggio e nella sorveglianza delle malattie, nella ricerca scientifica e nelle infrastrutture sanitarie sono le chiavi per contenere il prossimo nuovo pericolo. Queste strategie non sempre rientrano nel nostro paradigma biomedico, che sostiene interventi mirati come lo sviluppo dei vaccini e le cure mediche. Ma le pratiche basilari e non specifiche di prevenzione e preparazione a un’epidemia sono essenziali per il controllo delle malattie infettive.

Le epidemie non sono unicamente eventi naturali: sono anche il risultato di azioni umane, sia nella loro comparsa che nel loro contenimento. Se trattiamo ogni nuova epidemia come una tempesta perfetta, diventa molto più difficile sviluppare la convinzione che possiamo prepararci per la prossima crisi. Il percorso per rafforzare la nostra infrastruttura sanitaria sarà impegnativo e richiederà cambiamenti sistemici. Nel frattempo, la concettualizzazione delle epidemie come tempeste perfette, anche se ben intenzionata, renderà più difficile sollecitare la richiesta di un cambiamento degli effettivi investimenti ed implementazioni. Il Covid-19 può essere un nuovo virus, ma tali insorgenze sono state da tempo annunciate. Saranno necessari molti tipi di riforme per prepararsi alla prossima pandemia, ma essere scrupolosi sul nostro linguaggio - e sulle sue implicazioni - può essere un utile primo passo.

 

vai all'articolo originale: It is not a perfect storm - Covid-19 and the importance of language The New England Journal of Medicine 382;16 nejm.org April 16, 2020 Allan M. Brandt, Ph.D., and Alyssa Botelho, A.B.The New England Journal of Medicine 382;16 nejm.org April 16, 2020 Allan M. Brandt, Ph.D., and Alyssa Botelho, A.B.

chi è online?

Abbiamo 145 visitatori e nessun utente online


Redazione: Daniela Cattaneo, Emanuela Porta, Lea;  

Web Master: Emanuela Porta - Copyright © 2020 CureC@re la cultura del prendersi cura Rights Reserved.