foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


.
info@curecare.it
www.curecare.it

CureC@re

la cultura del prendersi cura

Percorso


  La linea telefonica Advisory Service è progettata per essere utiizata dai professionisti sanitari che lavorano con  i servizi per gli anziani, sia in una struttura di assistenza residenziale o all'interno della comunità. Questo include medici, infermieri, operatori sanitari e assistenti di cura. [..] 

Leggi tutto: Phone Advisory Service

 

 

guarda il video>> 

 

Quando Ted Goff che respirava appena e aveva un enfisema avanzato, è stato ricoverato in ospedale alla fine dello scorso anno, il suo medico gli disse che la prognosi era cattiva.

Hanno parlato delle sue ultime volontà e se voleva essere collegato alla respirazione forzata.

Goff non era sicuro.

Così il suo medico gli ha suggerito di ...

 

 

Leggi tutto: Alcuni video cercano di informare i pazienti...

 

Rob Cockburn si siede nel suo ufficio a Londra, apre il suo computer portatile, inserisce un DVD e mostra il modo migliore per dire a qualcuno che sta morendo.

Cockburn gestisce Connected, un programma nazionale britannico per addestrare oncologi in "consultazioni difficili"

Lanciato nel 2008, e finanziato dal Dipartimento della Salute, ha finora addestrato 9.000 medici che operano in ambito oncologico con eventi di tre giorni con esperti, attori e gioco di ruolo.  Il corso non è volontario: tutti gli specialisti del cancro in Gran Bretagna sono ora tenuti a partecipare. Questa è l'eredità di un cambiamento nel pensiero medico.

Trenta anni fa, i medici credevano che i malati in fase terminale non vogliono o hanno bisogno di sapere la loro gravità. Hanno camuffato la verità in eufemismi ("solo un po’ di crescita") o ristretta alla sola famiglia del paziente. Raccontare al paziente, secondo loro, avrebbe annullato le loro speranze. Anche una decina di anni fa, i medici erano molto in ansia a dire alle persone che erano affetti da cancro e che stavano per morire, tanto che la notizia era spesso negata.


Nel 2000, una relazione dal titolo Open Space è stata pubblicata dal Macmillan Cancer Relief. "Se solo il chirurgo mi avesse parlato correttamente", un paziente ha detto ai ricercatori. "Sono arrivati ??in un gruppo di cinque intorno al mio letto in ospedale , il chirurgo capo ha parlato subito di me, ha discusso qualcosa con loro e si è trasferito altrove, non ho avuto alcuna possibilità di porre domande ... il chirurgo mi ha dato l'impressione che fosse  molto occupato nei confronto dei suoi studenti e poco attento ai miei sentimenti ... è un bravo chirurgo, ma ha un brutto modo di relazionarsi con i suoi pazienti. "

Sempre nel 2000, il governo Blair ha lanciato un piano sul cancro per l'aggiornamento dei servizi e per avviare una nuova unità cosciente della crescente consapevolezza dei bisogni psicologici dei pazienti. Alcuni pazienti, dichiara il suddetto piano, hanno avuto "brutte notizie in un modo profondamente insensibile, sono stati lasciati al buio circa la loro condizione e male informati sul trattamento e le cure ... Entro il 2002 sarà una pre-condizione di qualifica che essi [i consulenti ospedale] siano in grado di dimostrare competenza in comunicazione con i loro pazienti."


La capacità di comunicare è oggi considerata una competenza essenziale clinica.

Il DVD Cockburn è un parte del lavoro per i tirocinanti medici. Modelli, protocolli a sei fasi…. forniscono un quadro di riferimento e rendono la situazione più facile da gestire ("istituire un colloquio ... valutare la percezione del paziente") .

Ma alla fine il rapporto è tra 2 persone: medico e paziente.


…..Per la famiglia De Raadt-St James è la seconda generazione che si confronta con queste domande. Suo padre era un ragazzo telegramma per la Western Union, fornendo notifiche di morte durante la seconda guerra mondiale, e poi quale notificatore di morte per la Army. Prima di morire, il padre ha parlato della sua esperienza. "Ha detto che era la cosa più difficile che gli è stato mai chiesto di fare. Non dimenticò mai lo sguardo sul volto della persona a cui notificava. Oppure le urla dalle madri come lo vedevano sulla porta. Ha detto che era tristemente, dolorosamente e completamente impreparati emotivamente. Ci siamo resi conto che ci doveva essere un modo migliore per trasmettere quel messaggio. "

Usando la sua ricchezza ha dato 2 milioni di dollari al Dipartimento di Psichiatria presso l'Università di California a Berkeley, per definire un nuovo modello di comunicazione. Il risultato è stato la Notifica Death & Stress Management Programme (DNP), una formazione on-line e un programma di formazione per i notificatori per i superstiti, progettato per combinare un aiuto concreto con la comprensione degli effetti psicologici e fisiologici di shock.


….Sulla base di ricerche sullo stress post-traumatico dal dottor Charles Marmar, presidente del Dipartimento di Psichiatria presso la NYU Langone Medical Centre, il DNP contiene anche un " inoculazione pre-notifica cognitivo comportamentale di stress": un numero verde con un messaggio registrato progettato per agire come un aiuto per i notificanti.


….Ha offerto il DNP all'esercito americano, e lo hanno attuato, nel 2004, un anno dopo l'invasione dell'Iraq.

…Il DNP sottolinea la necessità di avere calma, una voce misurata, una dichiarazione lenta con lunghe pause, non invocante la religione, solo i fatti, il più possibile compassionevolmente, evitando gesti intimi come abbracciare, riconoscendo il dolore dei sopravvissuti e permettendo uno spazio per le loro emozioni, la garanzia che non siano lasciati soli; consiglia di utilizzare carta e penna, solo il 12-15% si ricorderanno ciò che è stato detto.

…..Scotland Yard non invia più i nuovi assunti a consegnare il "messaggio di morte". Il supervisore seleziona la persona più adatta per questa comunicazione. Ha una formazione DVD, "The Message", e un numero verde per i notificanti come per le famiglie delle vittime. E questo modello è stato poi utilizzato dalla BBC, che ha molti corrispondenti in campo, e la Croce Rossa.

….. Madrid ha ora un team di psicologi d'emergenza che assistono agli incidenti a fianco della polizia, dei pompieri e paramedici. Dal 2003, la Samur-Protección Civil servizio di emergenza ha avuto una squadra di sei psicologi su turni di 24 ore, responsabile per le cattive notizie ai parenti dopo gli incidenti stradali, le catastrofi su larga scala o la morte improvvisa di un familiare. Teresa Pacheco Tabuenca, uno degli psicologi, ha già un distinto curriculum. Lei è stata coinvolta negli attentati ai treni di Madrid nel 2004, l'attacco terroristico ETA all'aeroporto di Barajas nel 2006, e l'incidente aereo di Madrid nel 2008.



Sally Williams scrive per il Telegraph Magazine ed è stata in passato una necrologista per l'Independent.

From INTELLIGENT LIFE Magazine, Spring 2011

 

 

 

chi è online?

Abbiamo 7 visitatori e nessun utente online


Redazione: Daniela Cattaneo, Emanuela Porta, Lea;  

Web Master: Emanuela Porta - Copyright © 2017 CureC@re la cultura del prendersi cura Rights Reserved.