In uno studio clinico di fase 1 effettuato in Canada presso l’Università di Alberta, l’èquipe di Wendy Wismer ha dimostrato, su 24 pazienti oncologici in stadio avanzato di malattia, rispetto al gruppo di controllo (22 partecipanti), che il delta-9-tetrahydrocannabinolo (THC) assunto 2 volte al giorno per 18 giorni ha migliorato la sensazione gustativa e l’appetito, favorendo la ripresa di un’alimentazione più soddisfacente sia per il gusto che per l’aspetto nutritivo. Inoltre anche il sonno e lo stato di rilassamento sono migliorati rispetto alla condizione di partenza, a confronto del gruppo trattato con il placebo. Mentre la QoL (Quality of Life) e le calorie totali assunte sono aumentate in entrambi i gruppi analizzati.

 

vai all'abstract >>

Ann Oncol. 2011 Feb 22. Delta-9-tetrahydrocannabinol may palliate altered chemosensory perception in cancer patients: results of a randomized, double-blind, placebo-controlled pilot trial. Brisbois TD, de Kock IH, Watanabe SM, Mirhosseini M, Lamoureux DC, Chasen M, Macdonald N, Baracos VE, Wismer WV. Department of Agricultural, Food & Nutritional Science.

 

La costipazione è una condizione clinica molto frequente in cure palliative. Nella prima pubblicazione, effettuata dalla Cochrane nel 2006 sull’efficacia dei lassativi nella gestione della stipsi nei pazienti di cure palliative, nessuna conclusione è stata possibile per il numero limitato dei dati disponibili. L’analisi presentata ora, relativa al periodo 2005-2010, considera i 7 studi rispettosi dei criteri di selezione previsti, 616  sono le persone coinvolte. 4 studi valutano i lassativi: lattulosio, senna, co-dantramer, misrakasneham, e l’idrossido di magnesio con paraffina liquida, mentre 3 pubblicazioni il metilnaltrexone bromuro. Purtroppo anche nel 2010 sono risultati insufficienti gli studi controllati randomizzati relativi all’uso dei lassativi nella costipazione nei pazienti in cure palliative per dare indicazioni sul trattamento in questa condizione clinica. L’unico dato aggiuntivo rispetto a quelli espressi nel 2006 è l’efficacia verificata per l’uso sottocutaneo del metilnlaltrexone bromuro, ma la sua sicurezza non è stata ancora completamente valutata. Sono quindi necessari trials rigorosi, indipendenti, con un arruolamento ampio di pazienti, per superare i limiti ancora presenti nell’impostare il trattamento della costipazione in cure palliative.

 

Vai alla pubblicazione >>

Candy B, Jones L, Goodman ML, et al. Laxatives or methylnaltrexone for the management of constipation in palliative care patients. Cochrane Database Syst Rev. 2011 Jan 19;1

 

19 Agosto 2010 - Il New England Journal of Medicine ha pubblicato uno dei primi studi scientifici che dimostrano l’impatto delle cure palliative sul percorso clinico-terapeutico e sul vissuto del paziente oncologico in fase avanzata.
Tra il giugno 2006 e il 15 luglio 2009, presso il Massachusetts General Hospital di Boston, è stato applicato un protocollo randomizzato ai pazienti cui era stata diagnosticata una neoplasia polmonare metastatica di tipo non microcitoma che ha mostrato come la copresenza precoce delle cure palliative associata alle cure oncologiche comporti benefici rispetto alla sola terapia oncologica.
I benefici consistono in:
• migliore qualità di vita (scala FACT-L - Functional Assessment of Cancer Therapy-Lung);
• stato psicoemotivo più favorevole (scala HAGS - Hospital Anxiety and Depression Scale);
• approccio terapeutico meno aggressivo nell'ultimo periodo di vita;
• periodo più lungo di assistenza in hospice;
• aumento della sopravvivenza.
Inoltre un’analisi più ampia di questi benefici si potrebbe tradurre in un diverso impatto economico e gestionale dell’assistenza al paziente in fase avanzata.

Articolo originale:

 

Early Palliative Care for Patients with Metastatic Non–Small-Cell Lung Cancer
Jennifer S. Temel, M.D., Joseph A. Greer, Ph.D., Alona Muzikansky, M.A.,
Emily R. Gallagher, R.N., Sonal Admane, M.B., B.S., M.P.H.,
Vicki A. Jackson, M.D., M.P.H., Constance M. Dahlin, A.P.N.,
Craig D. Blinderman, M.D., Juliet Jacobsen, M.D., William F. Pirl, M.D., M.P.H.,
J. Andrew Billings, M.D., and Thomas J. Lynch, M.D.

www.nejm.org/doi/pdf/10.1056/NEJMoa1000678

 

 

Pagina 17 di 17

jNews Module

Ricevi HTML?
Joomla Extensions powered by Joobi

Login Form

registrati per ricevere le newsletter relative ai nuovi contenuti pubblicati.

Registrati

grazie per il tuo accesso, sei il benvenuto!

chi è online?

Abbiamo 181 visitatori e nessun utente online

© 2021 CureC@re. All Rights Reserved. Designed By WarpTheme - Redazione: Daniela Cattaneo; Emanuela Porta; Lea