foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


.
info@curecare.it
www.curecare.it

CureC@re

la cultura del prendersi cura

Percorso



Con i servizi sovraccarichi, gli operatori sanitari devono decidere chi debba ricevere il trattamento. Dave Archard afferma che questa non è una scusa per vagare alla cieca nella discriminazione, ma Arthur Caplan sostiene che l'età, quando supportata dai dati, è un criterio valido.

Sì – Dave Archard

Definire la priorità, vale a dire decidere chi dovrebbe o non dovrebbe ricevere un trattamento [...]

Leggi tutto: È sbagliato dare la priorità ai pazienti più...

Per farlo in sicurezza occorre formazione, supporto e un'attenta prescrizione medica

Medici, infermieri e assistenti familiari in tutto il mondo stanno affrontando decisioni difficili riguardo alla fornitura e alla somministrazione di farmaci per gestire i sintomi quando i pazienti muoiono per il covid-19 o altre condizioni, nella comunità o nelle case di riposo.

I cambiamenti alla prassi proposti per garantire un adeguato controllo dei sintomi a fine vita necessitano di un'attenta considerazione unitamente a [...]

Leggi tutto: La somministrazione di farmaci di fine vita da...

Mentre l'intera popolazione è a rischio di infezione da coronavirus (SARS-CoV-2), le persone anziane - spesso fragili e soggette a multimorbidità - sono a maggior rischio di malattie gravi e fatali. L'esperienza dall'Italia mostra un'età media alla morte di 79 anni per gli uomini e 82 per le donne. Le malattie gravi con un esito incerto e le situazioni di fine vita richiedono buone cure palliative per i pazienti coinvolti. L'Associazione per la medicina palliativa geriatrica (FGPG) promuove l'integrazione di un approccio e delle competenze di cure palliative nella cura degli anziani e dei grandi anziani, sia in ambito di ricovero che [...]

Leggi tutto: Pandemia COVID-19: cure palliative per i...

"Dottore, dovremmo attivare il protocollo per la sepsi?" chiese il mio assistente medico con evidente preoccupazione. Ho fatto il triage della paziente in questione. I parametri che avevano causato l'allarme al momento del ricovero erano tachicardia e tachipnea, ma non c'era febbre o ipotensione in questa donna di mezza età. All'esame, respirava davvero rapidamente e aveva un polso rapido e regolare, ma c'erano altri indizi oltre i segni vitali sulla causa della sua sofferenza. I suoi occhi erano spalancati come le sue pupille dilatate. La sua pelle era diaforetica e i suoi piedi battevano sul pavimento di piastrelle. Dopo alcune domande, tutti gli indizi indicavano una risposta iperadrenergica a un'ansia estrema.

Sono un oncologo medico. Con una penosa frequenza, dico alle persone che hanno il cancro, aggiungendo, per molti, una coda terribile, che la loro condizione è incurabile. Una visita con me è spesso accompagnata dall'acufene del terrore: il paziente sente confermare la malignità e poi  [...]

Leggi tutto: Tra Scilla e Cariddi - Il processo decisionale...

La European Association Working for Career, una organizzazione Belga, ha pubblicato un documento informativo destinato ai badanti e agli assistenti famigliari caregiver attivi nell'assistenza. Oltre ad essere un supporto informativo con consigli sulla convivenza quotidiana con i propri assistiti nell'emergenza Covid-19, riporta i contatti degli organismi ufficiali dei propri paesi di provenienza. Sia che vogliano rimanere a fianco del proprio assistito sia che vogliano rientrare in patria suggerisce strategie e attenzioni da seguire.

Offriamo l'accesso al vademecum tradotto nelle principali lingue del mondo oltre che il link al sito ufficiale: https://eurocarers.org/covid-19/

chi è online?

Abbiamo 28 visitatori e nessun utente online


Redazione: Daniela Cattaneo, Emanuela Porta, Lea;  

Web Master: Emanuela Porta - Copyright © 2020 CureC@re la cultura del prendersi cura Rights Reserved.